Rapporto su un caso: melanoma maligno orale canino, maschio, età 12 anni

  • Commenti dell'articolo:0 commenti
📄 5 mins.
Un'illustrazione di un cane con un focus sulla bocca, che evidenzia un melanoma maligno. Un riquadro mostra un primo piano del tumore, che appare come un ammasso di macchie scure e irregolari. Questa rappresentazione enfatizza l’aspetto e la localizzazione del melanoma maligno orale nei canini.

Cancro canino: il viaggio di un proprietario di animali domestici con il trattamento con fenbendazolo

Questo caso clinico proviene da un lettore che ha trattato con successo il melanoma orale metastatico del suo cane di 12 anni con Fenbendazolo.

Al suo cane di 12 anni è stato diagnosticato un grave caso di melanoma orale dopo che è stato trovato un grosso tumore che cresceva sulla sua gengiva. Le biopsie hanno confermato che era maligno ed è stato rimosso chirurgicamente.

Tuttavia, sulla base delle metastasi, i veterinari dissero che probabilmente il cane avrebbe avuto solo pochi mesi di vita poiché il cancro si era diffuso in tutto il corpo.

Si rifiutò di rinunciare così facilmente alla persona amata, così iniziò a ricercare trattamenti alternativi. Il proprietario si è imbattuto nel protocollo contro il cancro del Fenbendazolo e ha deciso di adottarlo.

Questo è ciò che prevedeva il regime di trattamento con Fenbendazolo:

  • Polvere quotidiana di Fenbendazolo mescolata ai suoi pasti.
  • Gocce di CBD.
  • Una capsula di curcuma da 1500 milligrammi al giorno.

Sfidare le probabilità: come il fenbendazolo ha curato il cancro “incurabile” di un cane”

Non ho dubbi che il Fenbenzadole abbia curato il cancro incurabile dell’animale. Ha anche continuato a somministrargli la dose raccomandata di 50 milligrammi di fenbendazolo cinque giorni alla settimana delineata nel protocollo ormai da oltre un anno.

Il 12 dicembre il cane festeggerà il suo 14esimo compleanno e non ci sono segni che il cancro sia tornato. Il proprietario è più che felice!

È convinta che il Fenbendazolo abbia curato il cancro del suo cane, che i trattamenti medici alla fine non sono riusciti a debellare completamente.

Domande e risposte

Domanda: qual era il tuo regime di dosaggio del Fenbendazolo?

Risposta: poiché Hershey pesa circa 10 chili, gli ho dato una dose di 50 milligrammi di polvere di Fenbendazolo mescolata al cibo una volta al giorno.

Domanda: per quanto tempo gli hai somministrato Fenben durante la fase di trattamento attivo?

Risposta: Ho dato il Fenben ogni giorno al mio cane da quando ha iniziato a mostrare i sintomi del cancro orale, ovvero più di un anno fa.

Non ho aumentato il dosaggio rispetto alla dose giornaliera di 50 milligrammi. Lo terrò a questa dose bassa finché sarà vivo.

Domanda: quando hai notato che stava migliorando?

Risposta: Non sono sicuro di quando esattamente il cancro abbia iniziato a rispondere, ma il mio animale domestico non è mai peggiorato, anche se il tipo di cancro che aveva alla fine avrebbe dovuto diffondersi in tutto il suo corpo.

Ma non è mai successo. Le sue ultime due visite dal veterinario non hanno mostrato alcuna anomalia. Il mio veterinario crede che il mio cane ora sia libero dal cancro.

Domanda: qualcos’altro che vorresti aggiungere?

Risposta: Il veterinario ha iniziato a usare il Fenbendazolo su altri animali domestici affetti da cancro nel suo studio. I veterinari dicono ai proprietari che ci sono buone probabilità che possa prolungare la vita del loro animale domestico. Raccontano sempre loro di questa fantastica storia.

Persino il chirurgo che ha operato il mio animale domestico non riesce a credere che sia sopravvissuto al cancro e che stia ancora andando forte.

Come il fenbendazolo ha dato a un cagnolino una vita senza cancro

L'immagine raffigura il proprietario di un cane che ha sconfitto il cancro usando il fenbendazolo. Il fenbendazolo funziona contro il cancro del cane.

Questo è un risultato davvero commovente e un caso di studio con un lieto fine. Il cagnolino è fortunato che il suo proprietario abbia sentito parlare del Fenbendazolo e abbia deciso di provarlo.

Dato che il suo animale domestico è rimasto libero dal cancro per oltre 14 mesi dall’intervento chirurgico senza trattamenti tradizionali per il cancro, è molto probabile che il Fenbendazolo abbia rimosso i resti del suo tumore, compresi eventuali nuovi.

Comprendere le sfide e la prognosi del melanoma del cane

Il La National Library of Medicine (NIH) afferma che il melanoma orale canino è il tipo più comune di melanoma nei cani. Rappresenta fino al  3–8% di tutte le malattie legate alla crescita anomala nei cani. I tumori del melanoma orale sono maligni, nel senso che sono cancerosi e invasivi e hanno alti tassi di diffusione ad altre aree.

Se non trattati, questi melanomi orali maligni cresceranno rapidamente e in modo imprevedibile, causando dolore e raggiungendo grandi dimensioni mentre il cancro si diffonde rapidamente ad altri organi in tutto il corpo.

I melanomi nei cani hanno purtroppo una prognosi sfavorevole, anche con il trattamento. La maggior parte dei cani a cui è stata diagnosticata la forma orale aggressiva del melanoma soccombe alla malattia entro un anno, poiché in genere si diffonde rapidamente nonostante le cure tempestive. I primi sintomi possono apparire come chiazze pigmentate scure o protuberanze nella bocca che possono essere piatte o sollevate.

Alcuni melanomi orali mancano di colorazione e appaiono rossastri o rosa anziché neri. Man mano che il cancro avanza, le escrescenze anomale possono aumentare sostanzialmente di dimensioni e potenzialmente diventare ulcerate, causando sanguinamento e notevole disagio per l’animale colpito.

  • I cani trattati chirurgicamente per il melanoma allo stadio I sopravvivono in media circa 17-18 mesi.
  • Quelli con melanoma in stadio II hanno un tempo di sopravvivenza di 5-6 mesi dopo l’intervento.
  • I cani che hanno raggiunto lo stadio III alla diagnosi vivono circa 3 mesi anche dopo la rimozione del tumore.
  • I pazienti canini con melanoma avanzato allo stadio IV che si è diffuso ai polmoni di solito sopravvivono solo un paio di settimane.

Riferimenti

Marik, P. E. (2023). The role of repurposed drugs and metabolic interventions in treating cancer

Lascia un commento